La radioterapia per il tumore alla prostata

La radioterapia è un approccio terapeutico che utilizza raggi o particelle ad alta energia per uccidere le cellule del tumore alla prostata.

A seconda dello stadio del tumore, la radioterapia potrebbe essere utilizzata:

  • Come primo trattamento se la malattia è confinata alla ghiandola e la malattia è di basso grado. I tassi di guarigione per gli uomini con questo tipo di malattia sono più o meno gli stessi di quelli per gli uomini trattati con prostatectomia radicale.
  • Come parte del primo trattamento (insieme alla terapia ormonale) per i tumori che sono cresciuti al di fuori della ghiandola prostatica e nei tessuti vicini.
  • Se il tumore non viene rimosso completamente o si ripresenta (recidiva) nell’area della prostata dopo l’intervento chirurgico.
  • Se il tumore è avanzato, per mantenere la malattia sotto controllo il più a lungo possibile e per aiutare a prevenire o alleviare i sintomi.

Per il tumore alla prostata localizzato possono essere utilizzati due tipi di radioterapia: radioterapia a fasci esterni o brachiterapia, utilizzata solamente nei casi tumori di basso grado.

Radioterapia a fasci esterni


I fasci di radiazioni sono indirizzati sulla ghiandola prostatica da una macchina esternamente al corpo. Questo tipo di radiazioni può essere utilizzato per cercare di curare i tumori in fase iniziale o per alleviare sintomi come il dolore osseo se il tumore si è diffuso a un’area specifica dell’osso.

La durata dell’intero trattamento può variare in base alla gravità e all’estensione della malattia. La radiazione che si riceve è più forte di quella utilizzata per una radiografia, ma la procedura in genere è indolore. Ogni trattamento dura solo pochi minuti, anche se il tempo di preparazione, per metterti in posizione per il trattamento potrebbe richiedere più tempo.

Le nuove tecnologie disponibili oggi sono molto precise e permettono di somministrare dosi più elevate di radiazioni al tumore riducendo l’esposizione dei tessuti sani vicini.

Alcune macchine per radiazioni più recenti hanno uno scanner di imaging integrato. Questo progresso, noto come radioterapia guidata da immagini, consente al medico di scattare foto della prostata appena prima di somministrare la radiazione per apportare piccole modifiche alla mira riducendo ulteriormente il rischio di effetti collaterali.

Possibili effetti collaterali della radioterapia


Alcuni degli effetti collaterali della radioterapia a fasci esterni sono gli stessi della chirurgia, mentre altri sono diversi.

Problemi intestinali: le radiazioni possono irritare il retto e causare una condizione chiamata proctite da radiazioni. Questo può portare a diarrea, a volte con sangue nelle feci, e perdite rettali. La maggior parte di questi problemi scompare nel tempo, ma in rari casi la normale funzione intestinale non ritorna. Per aiutare a ridurre i problemi intestinali, ti potrebbe essere detto di seguire una dieta speciale durante la radioterapia per aiutare a limitare il movimento intestinale durante il trattamento.

Problemi urinari: le radiazioni possono irritare la vescica e portare a una condizione chiamata cistite da radiazioni. Potrebbe essere necessario urinare più spesso, avere una sensazione di bruciore durante la minzione e/o trovare sangue nelle urine. I problemi urinari di solito migliorano nel tempo, ma in alcuni uomini non scompaiono mai.

Alcuni uomini sviluppano incontinenza urinaria dopo il trattamento, il che significa che non possono controllare la loro urina o avere perdite o gocciolamento. Nel complesso, questo effetto collaterale si verifica meno spesso con la radioterapia rispetto all’intervento chirurgico. Il rischio è inizialmente basso, ma aumenta ogni anno per diversi anni dopo il trattamento.

Raramente, il tubo che trasporta l’urina dalla vescica fuori dal corpo (l’uretra) può diventare molto stretto o addirittura chiudersi, il che è noto come stenosi uretrale. Ciò potrebbe richiedere un ulteriore trattamento per riaprirlo.

Problemi di erezione e impotenza: dopo alcuni anni, il tasso di impotenza dopo la radioterapia è più o meno lo stesso di quello dopo l’intervento chirurgico. I problemi di erezione di solito non si verificano subito dopo la radioterapia, ma si sviluppano lentamente nel tempo. Questo è diverso dalla chirurgia, in cui l’impotenza si verifica immediatamente e può migliorare nel tempo.

Come con la chirurgia, più sei vecchio, più è probabile che tu abbia problemi di erezione. I problemi di erezione possono spesso essere aiutati da trattamenti, compresi i medicinali.

Sensazione di stanchezza: la radioterapia può causare affaticamento che potrebbe non scomparire fino a poche settimane o mesi dopo l’interruzione del trattamento.

Linfedema: i linfonodi normalmente forniscono un modo per il ritorno dei liquidi al cuore da tutte le aree del corpo. Se i linfonodi intorno alla prostata sono danneggiati dalle radiazioni, nel tempo il liquido può accumularsi nelle gambe o nella regione genitale, causando gonfiore e dolore. Il linfedema di solito può essere trattato con la fisioterapia, anche se potrebbe non scomparire completamente.

fonte: American Cancer Society

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.