Un recente studio ha evidenziato che il farmaco abiraterone è in grado di dimezzare il rischio di morte per tumore alla prostata in pazienti in cui la malattia non ha ancora generato delle metastasi.

Attualmente, l’abiraterone è un farmaco approvato solo per gli uomini con cancro alla prostata che si sta diffondendo (metastatizzando) nel corpo. Ma gli uomini arruolati nello studio sono stati trattati nelle fasi iniziali, prima che i loro tumori avessero la possibilità di diffondersi.

Sulla base dei risultati, i ricercatori hanno concluso che l’abiraterone dovrebbe essere preso in considerazione per il trattamento del tumore alla prostata aggressivo che non ha ancora iniziato a diffondersi ad altri siti, ma probabilmente lo farà in futuro.

L’abiraterone è stato approvato per la prima volta nel 2011, in particolare per il tumore alla prostata metastatico che non risponde più alla chemioterapia o ai farmaci che bloccano il testosterone (un ormone che alimenta la crescita del tumore alla prostata).

I trattamenti che bloccano la produzione di testosterone nei testicoli e in altre ghiandole sono chiamati terapie di deprivazione degli androgeni o ADT. Tuttavia, alcuni tumori aggirano l’ADT producendo il proprio testosterone, ed è qui che entra in gioco l’abiraterone: impedisce alle cellule tumorali di produrre l’ormone.

I medici somministrano solitamente l’abiraterone insieme al prednisolone, uno steroide che riduce gli effetti collaterali del trattamento. Più recentemente, l’approvazione dell’abiraterone è stata estesa agli uomini che ancora rispondono all’ADT o non sono stati ancora trattati con chemioterapia.

Durante lo studio appena pubblicato, chiamato STAMPEDE, i ricercatori hanno arruolato 1.974 uomini con tumore ad alto rischio che era ancora confinato alla prostata e ai linfonodi vicini. Lo studio clinico STAMPEDE sta testando molteplici trattamenti per il cancro alla prostata avanzato e questo particolare studio è stato uno dei tanti condotti come parte di questo sforzo più ampio.

Gli uomini in questo caso avevano in media 68 anni e ciascuno di loro era assegnato a uno dei tre diversi gruppi:

  • ADT da solo (il gruppo di controllo, che comprendeva 988 uomini)
  • ADT in combinazione con abiraterone e prednisolone (459 uomini)
  • ADT in combinazione con abiraterone, prednisolone e un altro farmaco chiamato enzalutamide, simile all’abiraterone (527 uomini).

L’ADT nel gruppo di controllo è durato tre anni, mentre la maggior parte degli uomini che hanno ricevuto terapie combinate è stata sottoposta a due anni di trattamento.

Dopo sei anni di follow-up, il 7% dei 986 uomini che hanno ricevuto abiraterone come parte del loro trattamento era morto di tumore alla prostata. Al contrario, il 15% dei 988 uomini trattati con ADT da solo sono morti per tumore alla prostata.

Sulla base di questi risultati, i ricercatori hanno concluso che i pazienti trattati con la terapia combinata (che include abiraterone) hanno maggiori probabilità di vivere più a lungo e morire per un’altra causa.

Gli effetti collaterali erano più comuni tra gli uomini trattati con abiraterone e includevano ipertensione e aumento degli enzimi epatici. L’aggiunta di enzalutamide non ha avuto ulteriori benefici terapeutici, rendendo l’uso di quel farmaco tra i pazienti con cancro non metastatico ingiustificato a causa della tossicità e dei costi aggiuntivi.

Questo importante studio si aggiunge alle notizie straordinariamente incoraggianti riguardanti i progressi nel trattamento delle forme avanzate e metastatiche del tumore alla prostata.

La somministrazione di abiraterone insieme al prednisolone è ora un pilastro nella gestione degli uomini con tumore alla prostata che si è diffuso oltre i confini della ghiandola prostatica e dei linfonodi. Questo nuovo studio mostra che l’aggiunta di abiraterone più prednisolone all’ADT tradizionale può avvantaggiare gli uomini che non hanno ancora sviluppato una malattia metastatica, ma è probabile che lo facciano in futuro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.