Un farmaco che aumenta la sopravvivenza

Durante il Congresso dell’American Società of Clinical Oncology (ASCO), tenutosi a Chicago, sono emerse buone notizie riguardo al trattamento del tumore alla prostata. Associando la terapia ormonale standard all’abiraterone, per uomini con metastasi al momento della diagnosi, si riduce il rischio di morte del 38% e si aumenta la sopravvivenza.

Lo studio è stato condotto su 1200 uomini: il farmaco ha raddoppiato il tempo medio trascorso prima che la malattia ricominciasse a progredire (da 14,8 a 33 mesi).

Per gli uomini che ricevono una diagnosi di cancro alla prostata in fase avanzata questo rappresenta un’evoluzione di trattamento, un nuovo efficace approccio. E’ una buona notizia per questi pazienti, poiché trattare la malattia con abiraterone può significare vivere più a lungo con un ridotto impatto di effetti collaterali.

fonte: https://www.asco.org/about-asco/press-center/news-releases/abiraterone-delays-metastatic-prostate-cancer-growth-18-months

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.